CronacaNews

Canicattì. “Vi brucio vivi” Minaccia di morte l’ex compagna e il nuovo fidanzato, denunciato 30enne 

Non si rassegna della fine di una relazione amorosa, e ancora oggi che sono trascorsi ben oltre dieci anni dalla separazione, continuerebbe a perseguitare la sua ex compagna. Un trentenne operaio residente a Canicattì, qualche giorno fa, avrebbe bussato al citofono di casa della donna, una ventinovenne madre di figli piccoli, e dopo aver sferrato calci e pugni contro la porta d’ingresso ha urlato: “Vi ammazzo, vi brucio vivi, vi brucio le macchine”. Minacce, appunto, rivolte tanto all’ex quanto al nuovo compagno della donna. Il trentenne sarebbe stato in compagnia di altre tre persone una delle quali rimasta in auto. L’arrivo di una gazzella dei carabinieri ha evitato il peggio.

La giovane temendo per la sua incolumità e quella dei suoi cari s’è recata al Commissariato di polizia. L’uomo è stato dunque denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L’accusa formalizzata a suo carico è quella di minacce gravi. La donna da anni, sistematicamente, verrebbe insultata, offesa e minacciata. Lo scorso anno già aveva presentato denuncia alla Stazione dei carabinieri. Gli agenti, adesso dopo l’ultimo episodio, hanno subito avviato l’iter del cosiddetto “codice rosso” che è, naturalmente, indirizzato a tutelare, e proteggere la donna-vittima di violenza.

Articoli Simili

Torna in alto